Come funziona la luce naturale

Prima di parlsono di illuminazione artificiale e del suo effetto sugli uccelli, facciamo breve revisionela scienza della luce.

Iol mondo intorno a noi è pieno di onde elettromagnetiche (onde EM). In effetti, ci sono centinaia, a volte migliaia, di onde EM che si muovono attraverso la stanza in cui ti trovi in questo momento. Unlcune di queste onde stanno passando attraverso di te, mentre altre stanno rimbalzando su di te.

La cosa più importante da sapere sulle onde EM è quella

as lorovariazioni di lunghezza d'onda, loroeffetto sugli organismi viventi ancheCambiamenti. 

Ad esempio, puoi vedere nell'immagine qui sotto che le onde più lunghe sono onde radio e abbastanza innocue. As le lunghezze d'onda si accorciano, diventano radiazioni nocive.


Uno sguardo alle onde EM prodotte dal sole (luce solare)

La maggior parte delle onde EM sono uomo-fatto;tuttavia, til suo articolo parla di come la luce artificiale si confronta con la luce solare,quindi discuteremo delle onde EM che il sole produce. Queste onde EM hanno una lunghezza d'onda compresa tra 100 e 1.200 nanometri.

Le lunghezze d'onda più lunghe che il sole produce sono le onde infrarosse, altrimenti indicate come calore.. 

Le lunghezze d'onda più corte sono UVC, che areFiltrato al 100% dall'atmosfera terrestre.

Le onde ultraviolette tra 280 e 400 nanometri sono ulteriormente suddivise nelle categorie A e B perché gli effetti che hanno sugli organismi viventi sono molto diversi.


Le lunghezze d'onda nello spettro visibile influenzano il colore che vediamo

All'interno dello spettro visibile,ogni lunghezza d'onda è di un colore diverso. La luce funziona rimbalzando sugli oggetti e nei nostri occhi. Quando una luce che contiene lunghezze d'onda nello spettro rosso rimbalzasfuori da una camicia rossa,i nostri occhi vedono rosso. Se la luce detànon contengono lunghezze d'onda rosse la camicia appares come un colore diversoai nostri occhi. Quel colore dipendessulle lunghezze d'onda presenti nella luce.

Pertanto, è probabile che una luce con più lunghezze d'onda presenti renda un oggetto più naturale.


Miscelazione e misurazione della luce finale

Ci sono un numero limitato di colori nello spettro della luce visibile, ma quando sono mescolati, producono colori diversi, proprio come mescolare la vernice. Gli scienziati stimano che l'occhio umano possa vedere oltre un milione di colori, che possono essere realizzati mescolando varie lunghezze d'onda del colore. Se una luce dovesse contenere una quantità uguale di ogni lunghezza d'onda, il risultato sarebbe luce bianca. Tuttavia, la luce raramente contiene ogni lunghezza d'onda, ed è il mix di lunghezze d'onda presenti che determinano il colore finale. Il colore finale è misurato dalla scala Kelvin (K).


Quando acquisti una luce nel negozio, da qualche parte sulla confezione ci sarà il colore chiaro seguito dalla temperatura in K. Una normale luce domestica, ad esempio, è in genere una luce giallastra a circa 3500K. Il motivo per cui la luce viene misurata in Kelvin piuttosto che in nanometri è perché rappresenta il colore finale, non le singole lunghezze d'onda che contiene.

La cosa importante da ricordare è che la classificazione K di una luce è il suo colore finale e non rappresenta quali lunghezze d'onda sono presentenella luce per rendere il colore finale.


Spettroscopi ottici e spettrografi


Il colore della luce può essere misurato da uno strumento chiamato spettroscopio ottico, che produce un rapporto, chiamato spettrografo, come mostrato di seguito. A volte una luce avrà uno spettrografo sulla sua confezione.

I parametri scritti del report possono essere fonte di confusione,ma se guardi da vicino poterevedere che questa luce è di circa 6.500K con un CRI di 94.

Ai fini di questo articolo, il grafico a sinistra contiene informazioni più preziose. It è un rapido assaggio di quali lunghezze d'onda (colori) sono presenti nella luce e a quale intensità sono. Come abbiamo imparato sopra,nella grafica con la camicia rossa e blu shorts,più lunghezze d'onda sono presenti,più oggetti naturali appariranno ai nostri occhi.

Per un riferimento divertente, ecco uno spettrografo del sole a mezzogiorno in una giornata senza nuvole. La differenza è carina chiaro.


Un occhio di uccello può vedere più di quello di un essere umano

Uccelli hanno una visione tetracromatica, il che significa chepuò vedere lo spettro della luce visibile più lo spettro UVA. Gli esperti di uccelli ritengono che questo li aiuti a identificare il cibo, il riconoscimento delle specie e la selezione dei compagni. However, non ci sono prove scientifiche che gli UVA abbiano alcun effetto su la salute di un uccello.


Le altre onde elettromagnetiche che hanno un impatto diretto sugli organismi viventi sono nello spettro UV

Scienziatoshanno suddiviso lo spettro UV in molte gamme ma parleremo solo LeDueche sono rilevanti per l'illuminazione degli uccelli:UVA e UVB.L'abbronzatura e la creazione di vitamina D sono buoni esempi del loro impatto.

Le lunghezze d'onda UV sono invisibili all'occhio umano e agiscono in modo diverso rispetto alla luce visibile. Mentre rimbalzano sulla maggior parte degli oggetti, a volte li penetrano invece. Ad esempio, sia i raggi UVA che UVB penetrano nella pelle umana. Tuttavia, i raggi UVA penetrano più in profondità, fino all'ipoderma, mentre i raggi UVB penetrano solo nell'epidermide.


Quando i raggi UVA penetrano nella pelle, producono melanina che provoca l'abbronzatura e le rughe della pelle. I sintetizzatori UVB producono vitamina D3 e, se assorbiti in eccesso, possono causare scottature solari insieme a cambiamenti degenerativi nelle cellule, nei tessuti fibrosi e nei vasi sanguigni della pelle.

Il 90-95% della radiazione UV che raggiunge la Terra è UVA.È importante notare che UVA è presente allo stesso modo durante le ore e le stagioni diurne. Può anche penetrare nuvole e vetro.

UVB costituisce solo il 5-10% della radiazione solare. È più forte tra le 10 a.m. e le 4 p.m.e non penetra in modo significativo nel vetro. Inoltrela sua intensità Differiscea seconda di quanto sei vicino all'equatore.

È importante notare che i raggi UVB influenzano in modo significativo gli occhi degli uccelli e molti proprietari di pappagalli hanno inavvertitamente causato la cataratta o la cecità del loro animale domestico. Abusandoluci con UVB. In uno studio pubblicato dalla Royal Society of Biological Sciences, un team di scienziati ha studiato un certo numero di specie di pappagalli che sono comunemente tenuti come animali domestici e ha scoperto che possess Pigmenti visivi sensibili ai raggi UV (UVS). Di conseguenza, i loro occhi sono altamente sensibili ai raggi UVB e la sovraesposizione può causare cataratta, degenerazione maculare e cecità.


RIASSUNTO DI FATTI IMPORTANTI SU COME FUNZIONA LA LUCE NATURALE

  • Diverse lunghezze d'onda nello spettro visibile ci fanno vedere colori diversi.
  • Più lunghezze d'onda sono presenti in una luce, più un oggetto appare naturale.
  • La misurazione del colore di una luce (K) è il risultato finale di Lemix dei colori di lunghezza d'onda presenti nella luce proprio come il colore finale della vernice è una miscela di colori diversi.
  • Le lunghezze d'onda nello spettro visibile non hanno effect sulla salute degli uccelli.
  • Gli uccelli non sono piante, le loro piume non si comportano come foglie, pertantoluce naturale Noninfluenzare il piumaggio degli uccelli diverso da come appare all'occhio umano.
  • Gli uccelli possono vedere le onde UVA e lo spettro visibile.
  • UVA e UVB non penetrano nelle piume.
  • GLI UVA non hanno alcun beneficio fisico noto per gli uccelli.
  • I sintetizzatori UVB, quando assorbiti dalla pelle, producono vitamina D3.
  • Il 90-95% della radiazione UV che raggiunge la Terra è UVAche
  • è presente ugualmente durante le ore e le stagioni diurneepuò penetrare nuvole e vetro.
  • UVB costituisce solo il 5-10% della radiazione solare. È più forte tra le 10 a.m. e le 4 p.m.e non penetra in modo significativo nel vetro. Inoltre, its intensità Differiscea seconda di quanto sei vicino all'equatore.
  • Un certo numero di specie di uccelli tenuti come animali domestici possiedono pigmenti visivi sensibili ai raggi UV (UVS). Di conseguenza, i loro occhi sono altamente sensibili ai raggi UVB e la sovraesposizione può causare cataratta, degenerazione maculare e cecità.